A #ThinkRoma aziende pubbliche e private raccontano l’innovazione

di Morgana Stell



Si è svolta ieri all’Acquario Romano la prima giornata di Think Roma, il più importante evento organizzato da IBM in Italia sui temi dell’innovazione e della trasformazione digitale. Un viaggio di due giorni attraverso il cloud, l'intelligenza artificiale, la blockchain e la sicurezza dei dati raccontato dalla voce di esperti, rappresentanti delle Istituzioni, aziende di diversi settori, giornalisti, fra dibattiti, percorsi esperienziali e formativi, laboratori e demo.

La prima sessione della giornata, moderata dalla giornalista Monica Coggi di Mediaset, è stata dedicata alla trasformazione digitale di aziende e start up. Il cambiamento determinato dall'accelerazione verso il digitale e le tecnologie emergenti impongono alle organizzazioni di spostarsi verso un modello sempre più innovativo e centrato sul cliente: questo richiede la capacità di offrire esperienze coinvolgenti e nuove modalità di lavoro. La combinazione tra intelligenza artificiale e dati rappresenta il vero fattore abilitante e acceleratore di questa Digital Reinvention. Il tema, introdotto da Luca Altieri, CMO di IBM Italia, è stato discusso dai manager di aziende in diversi settori, accomunate dalla capacità di utilizzare le nuove tecnologie per generare opportunità di crescita per le loro imprese e per l’intera economia.

Durante l’incontro è intervenuto anche Gian Paolo Manzella, Assessore allo sviluppo economico della Regione Lazio, che ha sottolineato l’importanza della tecnologia per avvicinare cittadini e imprese alla pubblica amministrazione, annunciando la nascita del nuovo polo innovativo, guidato da IBM e da altre imprese del settore che sorgerà a Rieti.

Alessandro La Volpe, Vice President di IBM Cloud, ha indicato i tre fattori fondamentali dello scenario dell’innovazione: talenti, dati e piattaforme. Senza talenti e senza dati, nessuna impresa è destinata a generare valore nel futuro, mentre coloro che già oggi si stanno reinventando puntando su piattaforme digitali stanno mostrando enormi opportunità di crescita.

Diversi i clienti che hanno portato la loro testimonianza, raccontando le sfide affrontate e i vantaggi ottenuti grazie allo sviluppo di progetti innovativi.

In particolare, Alessandro La Rocca, Direttore Generale di NUGO, ha raccontato la storia della sua azienda, nata in collaborazione con IBM per rispondere a una domanda di mercato sempre più forte: quella di una mobilità semplice, integrata e sostenibile, che NUGO vuole soddisfare con una piattaforma che raccoglie tutti gli strumenti per pianificare un viaggio, e permette all’utente di prenotarli tutti da un’unica app.
Mentre Benoit Hanssen, Technology Director di Wind Tre, ha sottolineato come cambiare tecnologia sia tutto sommato semplice, mentre molto più complesso sia modificare l’approccio delle persone verso la tecnologia.
Gianluca D’Arcangelo, Group CIO di Elica, ci ha raccontato come la sua azienda ha utilizzato le tecnologie di IBM per creare cappe intelligenti ossia in grado di rilevare la qualità dell’aria e anche per migliorare il processo di produzione, anticipando eventuali guasti per maggiore efficienza.

Non solo aziende ma anche la testimonianza del Centro Nazionale per le Ricerche con l’intervento del direttore Giuseppe De Pietro, che ha raccontato i progetti in corso focalizzati sull’ elaborazione di dati da documenti sanitari e sull’intelligenza Artificiale per prototipi applicativi di sistemi conversazionali per la diagnosi medica, per la fruizione di beni culturali e la divulgazione scientifica. Yosra Kamel, Product Manager di AMGEN, ha menzionato invece la collaborazione con IBM per la realizzazione di uno strumento di aggiornamento destinato ai medici nefrologi di tutta Italia per accedere facilmente a migliaia di casi clinici e prendere così decisioni più informate. Un altro progetto focalizzato sul tema della sicurezza presentato da Mario Venturi, CEO di KeyCrime, che ha parlato del suo modello di analisi predittiva dei crimini per l’attività di polizia e investigatori.
La testimonianza anche di una start up rappresentata da Tommaso Rossi, CTO di Kinoa, che ha illustrato la tecnologia di mapping sviluppata insieme a IBM con l’obiettivo di fornire ad anziani e persone diversamente abili un navigatore satellitare in grado di individuare i percorsi ‘più accessibili’, cioè con meno barriere architettoniche.
Nel campo delle assicurazioni, Pedro Bernardo Santos, Direttore Generale di G-Evolution, si è focalizzato sullo sviluppo delle nuove tecnologie fra cui ad esempio l’algoritmo G-Evo Crash Validation, sviluppato in soli tre mesi con IBM, in grado di individuare gli incidenti dall’enorme mole di dati prodotti ogni giorno dalle scatole nere, riducendo i costi dei sinistri del 50%.

Ha concluso la sessione Flavia Marzano, Assessora del Comune di Roma, che ha ribadito l’importanza degli investimenti in nuove tecnologie per una migliore gestione partecipativa del bilancio del Comune, per una semplificazione dei sistemi e il superamento del digital divide a vantaggio di un dialogo più efficace e trasparente con i cittadini.

25 ottobre 2018

Morgana Stell, External Relations
@MorganaStell

Visit us on LinkedIn