Le aziende sono pronte per affrontare le sfide dell'intelligenza artificiale (AI)?



Siamo nel pieno di una trasformazione globale che tocca ogni aspetto del nostro mondo, delle nostre vite e delle nostre imprese. Molti nel settore ritengono che l'AI sia la chiave per cambiare radicalmente il modo in cui le organizzazioni ottengono informazioni utili dai dati. Sappiamo che l'AI sarà un punto di svolta per i nostri clienti, ma sappiamo anche che l’AI non è una bacchetta magica. Per la maggior parte dei nostri clienti, l'AI sarà un viaggio. Ma è anche vero che la maggior parte delle organizzazioni sono ancora nelle prime fasi dell'adozione dell'AI. Basta considerare questi dati sull'adozione dell'AI secondo IDC[i]:

  • Il 31% delle organizzazioni è in fase di scoperta/valutazione
  • Il 22% delle organizzazioni prevede di implementare l'AI nei prossimi 1-2 anni
  • Il 22% delle organizzazioni esegue test di AI
  • Il 4% delle organizzazioni ha implementato l'AI

La nostra esperienza con i clienti dimostra che, man mano che un'organizzazione abbraccia una strategia AI olistica per ricavare informazioni utili dai dati, è fondamentale esaminare l’infrastruttura esistente, nonché l’attuale strategia di gestione dei dati e le capacità in termini di AI. Le organizzazioni che stanno ottenendo il massimo valore dai dati stanno costruendo le loro piattaforme di gestione e di AI dove i dati risiedono, riducendo così la latenza. Inoltre, stanno utilizzando un'infrastruttura appositamente progettata per carichi di lavoro intensivi in termini di dati e di elaborazione quali analitica avanzata e AI, e stanno implementando software ottimizzato in modo da massimizzare l'efficienza e il valore delle informazioni.

Quando si tratta di implementare l’AI, le organizzazioni spesso hanno problemi con dei rallentamenti delle prestazioni dei server e la complessità dei software open source. Per affrontare queste sfide, oggi annunciamo innovazioni software per rendere più semplice l’implementazione dell'AI e del deep learning insieme alle nuove piattaforme hardware progettate per l'era dell’intelligenza artificiale.

Ecco una rapida lista per vedere quanto siete pronti per il viaggio verso l'AI:

  1. State testando potenti framework AI ottimizzati per l'hardware?
  2. Il vostro hardware è ottimizzato come piattaforma di dati aziendali predisposta per l'AI?
  3. Avete implementato moderne piattaforme di dati come Hadoop e Spark in grado di aiutarvi a organizzare dati non strutturati?

Per rendere questa piattaforma ottimizzata una realtà, oggi è disponibile IBM PowerAI, il miglior toolkit di deep learning per le imprese, su POWER9 e per la prima volta anche sul sistema operativo di Red Hat. Adesso, le aziende Red Hat possono sfruttare i principali framework open source del settore ed esplorare il potenziale di un deep learning distribuito con un ampio supporto di modelli. Per aiutare i clienti in questo viaggio, IBM offre un’assistenza completa per framework di deep learning.

“L'ottimizzazione IT richiede piattaforme più complete e pronte per l'uso aziendale che adottino le più popolari innovazioni open source e le supportino con l'affidabilità e il supporto che le aziende moderne si aspettano”, ha dichiarato Tim Burke, Vicepresidente tecnico, Cloud and Operating System Infrastructure, Red Hat. “I server basati su POWER9, che si basano tecnologie open di Red Hat, offrono una base più stabile e ottimizzata in termini di prestazioni per framework di machine learning e AI. Siamo molto soddisfatti di estendere due decenni di collaborazione con IBM e di includere PowerAI, la prima offerta di software AI supportata a livello commerciale per la nostra piattaforma.”

Per creare un'infrastruttura ottimizzata per l'intelligenza artificiale, oggi annunceremo anche la prossima linea di server IBM POWER9: IBM Power Systems LC922 e LC921. Questi nuovi server bilanciati offrono capacità di elaborazione superiori e fino a 120 terabyte di storage dei dati con opzioni di storage ibride tra cui HDD, SSD e NVMe per un accesso rapido a una grande quantità di dati preziosi.

Questi nuovi server si aggiungono a una versione aggiornata del nostro server rilasciato in precedenza AC922, che ora presenta le GPU NVIDIA V100 da 32 GB recentemente annunciate e una memoria di sistema più ampia che consente modelli di apprendimento approfondito più ampi per migliorare l'accuratezza dei carichi di lavoro AI.

In questa rivoluzione IT, stiamo collaborando con leader del settore per portare l’innovazione in tutto lo stack di software e hardware progettato specificamente per migliorare le capacità AI aziendali.

"Le GPU sono alla base di importanti progressi nell'intelligenza artificiale e nel deep learning in tutto il mondo ", ha affermato Paresh Kharya, group product marketing manager of Accelerated Computing presso NVIDIA. “Grazie alla stretta integrazione dei processori IBM POWER9 e le GPU di NVIDIA V100 realizzate da NVIDIA NVLink, le aziende possono sperimentare incredibili aumenti delle prestazioni per carichi di lavoro ad alta intensità di calcolo."

Alla base di entrambi i server c'è la CPU IBM POWER9, che include il supporto on-chip per NVIDIA NVLink 2.0 e PCI Express (PCIe) 4.0 di nuova generazione per prestazioni superiori e una maggiore capacità di trasmissione dei dati. Queste tecnologie danno a IBM POWER9 una larghezza di banda CPU/GPU di quasi 5,6 volte migliore rispetto a x86[ii], elemento che può accelerare di quasi 4 volte i tempi di formazione nel deep learning[iii][iv].

“Le aziende necessitano di una piattaforma flessibile, efficiente e unificata per garantire la massima efficienza”, sostiene Scott Gnau, CTO di Hortonworks. "La piattaforma vincente include una moderna architettura di dati, incluso il core Hadoop e il software di streaming, nonché hardware progettato per carichi di lavoro ad alta intensità di dati che alla fine determineranno un reale ritorno all'IA. IBM è l'unico fornitore che offre un approccio infrastrutturale unificato in grado di portare l'AI al livello successivo.”

Sappiamo che il viaggio verso l'AI non è facile, ma IBM si impegna a collaborare con voi in ogni fase del percorso.

Per approfondimenti sulle funzionalità IBM AI Power Systems

15 Maggio 2018

Tim Vincent, Vice President, IBM Cognitive Systems Software

Visit us on LinkedIn