Digital Re-Invention: ripensare il business grazie ai nuovi saperi e alle tecnologie esponenziali abilitate dal cloud ibrido

di Claudia Ruffini



“Digital Re-Invention Chapter II”. Così IBM definisce nell’ultimo Annual Report la fase di mercato che stiamo vivendo e che caratterizzerà tutto il 2019. Quella in cui non solo il cloud, ma tutte le tecnologie esponenziali, come AI, blockchain e IoT, escono dalla sperimentazione per entrare nel cuore dei processi di business permettendo alle aziende di accelerare la trasformazione e reinventarsi.

I pilastri della Re-Invention, che consentiranno alle applicazioni strategiche su cui poggia il business delle aziende di trarre vantaggio dalle tecnologie esponenziali, sono costituiti dal modello ibrido e dai nuovi saperi.

“Il modello tecnologico di riferimento è quello ibrido, ovvero di un cloud che deve integrare ambienti pubblici con cloud privati; è multi-cloud, perché la nuvola non può essere appannaggio di un solo fornitore, è aperto, cioè privo di qualunque vendor lock-in, è sicuro e deve disporre di competenze di servizio e soluzioni specifiche per orchestrare questa complessità”.

“Quanto ai saperi - prosegue La Volpe - nell’IBM Studios in Piazza Gae Aulenti a Milano troverà sede anche il Cloud Garage italiano, un luogo in cui la contaminazione tra le professionalità di IBM e quelle delle aziende con cui collaboriamo permetterà di sviluppare, in poche settimane e con metodologie innovative e comprovate come Design Thinking, Agile e DevOps, un Minimun Available Product, cioè un progetto autoconsistente a partire dal quale l’azienda può decidere di reinventare i propri processi di business”.

Tecnologie esponenziali e nuovi sapere sono dunque le due facce di una good tech che, grazie alla trasformazione digitale, serve meglio e in maniera responsabile non solo le aziende clienti ma anche gli utenti dei clienti. Una good tech a vantaggio di tutti, e non solo per pochi.

Ecco la puntata di #in300sec con Alessandro La Volpe, VP IBM Cloud per l’Italia:

28 marzo 2019

Claudia Ruffini, External Relations
@cla_ruffini

Visit us on LinkedIn