Salone dei Pagamenti: tre giorni di incontri per innovare



Il mondo cambia e così fanno le abitudini delle persone, soprattutto per quanto riguarda le attività quotidiane, come i pagamenti. Secondo le stime dell’Osservatorio Mobile payment & commerce del Politecnico di Milano, infatti, i pagamenti digitali sono in crescita: nel 2016 questo tipo di transazioni si sono attestate a quota 198 miliardi, per un incremento dell’11% rispetto all’anno precedente. Il 2017 sarà caratterizzato da una crescita paragonabile. Inoltre, tutto il mondo della finanza si appresta a un importante giro di boa dal punto di vista di regolamenti e compliance: PSD2, GDPR, mifid2.
Ciò spingerà ancora di più alla necessità di adottare soluzioni tecnologiche e cognitive.

Questi e tanti altri temi hanno fatto da perno all’edizione 2017 del Salone dei Pagamenti, promosso da ABI per favorire l'innovazione e la cultura del digitale e organizzato da ABI Servizi.
Il MiCo di Milano ha ospitato, per 3 giorni dal 22 al 24 novembre, circa 100 tra conferenze e tavole rotonde. Banche, finanziarie, università, media e startup si sono ritrovate per fare il punto della situazione, per presentare nuovi prodotti e soluzioni e per parlare con i millenials, protagonisti e promotori delle nuove modalità di pagamento.

In crescita il trend dell’attenzione, quasi il doppio rispetto all’anno scorso: con oltre 70 espositori, 22 prestigiose università italiane, le principali testate giornalistiche specializzate presenti in veste di media partner, l'edizione 2017 ha registrato la presenza di oltre 7.000 partecipanti.
Se ancora ce ne fosse la necessità, queste cifre descrivono con efficacia il sentimento di interesse che c’è fra gli addetti ai lavori, ma anche nell’opinione pubblica. Questa edizione del Salone, infatti, ha aperto ancor di più le porte a studenti e semplici curiosi.

È stata un’occasione per parlare di e con le imprese bancarie, dialogare con la Pubblica Amministrazione, che rappresenta il 50% dei pagamenti del Paese, con le associazioni dei consumatori, le società di consulenza e gli studi legali e con il “futuro”, per le nuove professioni che si delineano, attraverso gli studenti e le scuole, e confrontarsi sulla “Payvolution” in atto in tutti i settori, inclusi mondo telco, distribution e credito al consumo.

IBM non poteva mancare all’appuntamento e lo ha fatto partecipando a ben 12 round table. I temi affrontati sono andati da gli instant payments alla customer experience, dalla PSD2 alla sicurezza, dalla Blockchain all’Intelligenza Artificiale alle Connected Car, con particolare attenzione alle FinTech e alle nuove modalità di comunicazione in ambito finanziario. Il 23 novembre si è svolto, inoltre, il workshop IBM "RegTech: più fiducia per l'ecosistema, più semplicità per il cliente" dove si è parlato di fiducia come valore, RegTech, Customer Experience, sicurezza e FinTech, che ha visto, tra gli altri, la partecipazione in qualità di moderatore di Chiara Frigerio (Segretario Generale, CeTIF Università Cattolica).

Di seguito nel dettaglio:

Paola Piacentini, External Relations28 novembre 2017

Visit us on LinkedIn