Groupama sceglie IBM per identificare meglio premi e rischi

di Claudia Ruffini



Nata per servire e proteggere gli agricoltori in Francia, Groupama è una compagnia assicurativa francese che serve 13 milioni di clienti in 14 paesi nel mondo. Nel suo dna conserva un ruolo sociale, educando alla prevenzione, che si traduce nell’attenzione verso i clienti.

“Gli assicurati -spiega Francesco Mastrandrea, Direttore Sistemi e Servizi di Groupama- ci chiedono di pagare il giusto per essere risarciti adeguatamente. Ovviamente con un risparmio da parte loro ed efficienza da parte nostra”. Una sfida, è evidente, che l’utilizzo intensivo di analytics e big data consentono di vincere. “Agendo -prosegue Mastrandrea- sui parametri che permettono di individuare il giusto premio e la corretta qualificazione del rischio”. In tema di fiducia, poi, la tecnologia aiuta ad evitare le frodi, rafforzando il rapporto tra Groupama e i suoi clienti. Senza tralasciare la redditività, specifica Mastrandrea.

“L’internet delle cose, passando per il Cloud -spiega Alessandro La Volpe, VP IBM Cloud- è in grado di alimentare questo circolo virtuoso che produce efficienza, fiducia e soddisfazione per le aziende che scelgono IBM come partner”.

Perché Groupama ha scelto IBM? “Andare verso il Cloud -chiosa Francesco Mastrandrea- non vuol dire semplicemente cambiare tecnologia e comprare maggiore potenza, ma qualcosa di più: ti obbliga ad applicare una vera trasformazione digitale. Un partner come IBM, in questo viaggio, può dare effettivamente quel quid in più”.

15 aprile 2019

Claudia Ruffini, External Relations
@cla_ruffini

Visit us on LinkedIn