IBM Z definisce il futuro del cloud ibrido

di Ross Mauri



I leader del settore IT non solo devono rispondere in tempo reale alle esigenze di un business dinamico, ma devono anche ottimizzare le operazioni dei loro ambienti multipiattaforma e multicloud sempre più complessi, gestendo contemporaneamente risorse e budget.

A questo proposito IBM annuncia nuovi servizi e funzionalità per IBM Z®, posizionando questa tecnologia come punto centrale di una strategia cloud ibrida e sicura . La nostra missione è di aiutare i nostri clienti, dando loro maggiore fiducia, flessibilità e agilità quando si tratta di costruire e gestire i loro ambienti. IBM offre diverse opzioni per consentire alle aziende di controllare le attività di business nel modo migliore1 - senza esporle ai costi alti tipicamente associati alle piattaforme complesse.

Gestione semplificata grazie a costi simili a quelli del cloud
Nell'era dell’ibrido e del multicloud, tutto è collegato e i modelli di lavoro cambiano costantemente. In questo contesto, gestire la domanda di servizi IT può rappresentare una sfida importante. E quando si tratta di prezzi, la flessibilità e la gestione sono essenziali. Mentre sempre più clienti passano a un modello IT aziendale che integra on-premise, cloud privato e pubblico, abbiamo sviluppato un semplice modello di pricing cloud per continuare il processo di trasformazione digitale.

Per tutti questi motivi, Tailored Fit Pricing per IBM Z è un'innovazione rivoluzionaria del modello di pricing per l'odierno ambiente IT aziendale. È progettato per offrire semplicità, trasparenza e flessibilità dei prezzi basati sui consumi, con economie di scala per i lavori su IBM z/OS. Il tratto distintivo di questo modello è che il costo si adatta all'utilizzo, eliminando la necessità di limiti complessi e restrittivi, includendo anche prezzi aggressivi per la crescita. La soluzione capacity, anch'essa parte di Tailored Fit Pricing, consente ai clienti di combinare i carichi di lavoro per massimizzare l'uso della piattaforma. In sintesi, Tailored Fit Pricing è progettato per sbloccare tutta la potenza della piattaforma e garantire tempi di risposta ottimali e accordi sul livello di servizio, 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Anche uno dei nostri ecosystem partner, Broadcom, ha annunciato la disponibilità di un modello di pricing basato sui consumi per supportare il loro carico di lavoro sul mainframe. È pensato per lavorare senza soluzione di continuità con la nostra strategia di determinazione dei prezzi basata sulla MSU. Il cambiamento dei prezzi è stato immediatamente condiviso all'interno dell'ecosistema ISV. Anche BMC e Compuware supportano e offrono i propri modelli di pricing aperti e flessibili, con l'obiettivo di fornire un'esperienza cliente più fluida.

Allo stesso modo, anche i nostri clienti grazie a queste opportunità stanno godendo dei benefici. Terry Glover, direttore delle infrastrutture di Dillard's, ha dichiarato che "con Tailored Fit Pricing, non dobbiamo più preoccuparci di prevedere la domanda. Possiamo invece attivare queste capacità quando ne abbiamo bisogno, e pagare solo per quello che usiamo."

Ampliamento del portafoglio di applicazioni
Con l’intento di conferire una flessibilità ancora maggiore alle operazioni su Z, IBM annuncia anche IBM z/OS Container Extensions, progettato per modernizzare ed estendere le applicazioni z/OS. Stiamo offrendo ai nostri clienti la possibilità di eseguire Linux su IBM Z Docker container a supporto diretto dei carichi di lavoro z/OS sullo stesso sistema z/OS.

Con z/OS Container Extensions, i clienti potranno accedere ai più recenti strumenti e processi di sviluppo disponibili in Linux sull'ecosistema Z, dando agli sviluppatori la flessibilità di costruire nuove applicazioni containerizzate e cloud-native, e di distribuirle su z/OS senza bisogno di Linux o una partizione Linux.

Potenziamento di un'esperienza universale di sviluppo e gestione del cloud
Infine, stiamo introducendo IBM z/OS® Cloud Broker, che offre agli utenti la possibilità di accedere e distribuire risorse e servizi z/OS su IBM Cloud Private, aiutandoli a raggiungere un'esperienza di sviluppo cloud più uniforme e universale. IBM z/OS Cloud Broker è stato progettato in modo tale che gli sviluppatori di applicazioni cloud possano abilitare e disabilitare gli ambienti z/OS per supportare il ciclo di sviluppo delle applicazioni.

Il risultato? Un design per semplificare la gestione e l'accesso ai servizi aziendali critici: IBM z/OS Cloud Broker fornisce un unico piano di controllo su z/OS, Linux on Z, Power e cloud pubblici. A sua volta, questo può aiutare a ottimizzare l'efficienza della gestione e raggiungere una velocità ottimale per l'innovazione.

Naturalmente, nel mondo ibrido e multicloud di oggi, la possibilità di scelta e controllo sono fondamentali. Ecco perché queste nuove offerte saranno particolarmente potenti se combinate con la famiglia di servizi cloud-native di IBM Cloud Hyper Protect . Gli sviluppatori aziendali hanno accesso a sicurezza e resilienza leader del settore per modernizzare le loro applicazioni. Hyper Protect offre una gamma di scelte di implementazione on-premise e off-premise per estendere i servizi e i dati IBM Z, bilanciando prestazioni, disponibilità o sicurezza. Il mese prossimo, ad esempio, verrà lanciato Hyper Protect Database as a Service (DBaaS). DBaaS supporterà gli sviluppatori di cloud native fornendo sia PostgreSQL che MongoDB Enterprise Advanced. Fornirà inoltre il massimo livello di riservatezza di dati commerciali per i dati sensibili, FIPS 140-2 livello 4.2

Come parte dell'obiettivo di IBM di dare ai clienti il controllo end-to-end delle piattaforme ibride cloud a cui si affidano, è fondamentale menzionare anche l’ampio portafoglio software, progettato per i clienti per accelerare i loro percorsi di trasformazione digitali. Le imprese che hanno già iniziato la loro trasformazione troveranno questa modalità familiare, ma quello che vediamo fare dai clienti è innanzitutto utilizzare API e strumenti di sviluppo cloud native per utilizzare meglio le risorse esistenti o evolvere nuovi servizi, sfruttare l'analisi operativa IT per visioni e rendimenti di business, e infine integrare senza soluzione di continuità i carichi di lavoro su piattaforme cloud.

In altre parole, l’ibrido sicuro e il multicloud costituiscono il futuro dell'IT aziendale, con IBM Z al centro.

1 - 80% dei clienti IBM Z cercano provider che offrono cloud ibrido e privato. (IBM Sponsored Primary Research, MD&I Systems e Cloud NDB 2019)

2 - Il Federal Information Processing Standard (FIPS) Publication 140-2 è uno standard di sicurezza informatica del governo degli Stati Uniti utilizzato per approvare i moduli crittografici. È rilasciato dal National Institute of Standards and Technologys, NIST (Istituto nazionale di normazione e tecnologia). Il livello 4 è il livello di sicurezza più alto.

27 maggio 2019

Ross Mauri, General Manager IBM Z
@rossmauri

Visit us on LinkedIn