IBM: con Watson l’AI si personalizza



La crescita inarrestabile dei dati, considerati il petrolio del XXI secolo per ogni tipo di business, porta con sé il bisogno di strumenti che possano gestirne l’enorme potenziale. Strumenti che abbiano la capacità di personalizzarne l’utilizzo, persino, a seconda del settore di appartenenza e delle necessità quotidiane.

È in quest’ottica che IBM, forte di una leadership mondiale nei software AI, nei servizi e nella tecnologia AI per le aziende, ha annunciato la disponibilità di nuove soluzioni Watson che guardano a nove comparti industriali e professionali. Vediamone le principali caratteristiche.

Innanzitutto, IBM mette a disposizione la Piattaforma Watson per l'Agricoltura. Questa raccoglie dati da molteplici fonti – meteo, macchinari e irrigatori abilitati dall’IoT, immagini satellitari e altro – per offrire un’unica visione predittiva attraverso un’app di facile utilizzo.

Per il singolo agricoltore ciò significa ottenere supporto per prendere decisioni migliori, ottenendo così una migliore resa del terreno. Per esempio, utilizzando le funzionalità AI di riconoscimento visivo, si identificano il tipo e i livelli di danni provocati dai parassiti con un uso più efficace dei pesticidi. Allo stesso modo, diventa possibile prevedere l'impiego di acqua, riducendo sprechi e costi.

Per incrementare l’abilità degli addetti del customer service a rispondere più velocemente alle domande dei clienti e alle richieste complesse, IBM rende invece disponibile Watson Discovery for Salesforce. La soluzione offre in tempo reale tutte le informazioni rilevanti sulla richiesta appena effettuata dall’interlocutore.

Per chi lavora nell’ambito HR, la nuova funzionalità AI di IBM per le risorse umane analizza il background con le migliori performance in diversi contesti, utilizzando tali dati per aiutare a segnalare i candidati più promettenti. Fornisce un miglior indicatore delle probabilità di successo dell’assunzione e può aiutare a rimuovere una significativa percentuale di errori dal processo decisionale.

Uno studio condotto da IBM sui Chief Human Resource Officer a livello mondiale ha rilevato che il 33% del campione crede che l'AI rivoluzionerà il loro modo di lavorare nel corso dei prossimi anni. Questi professionisti si stanno rendendo conto che l’AI non solo consente ai recruiter di attirare la risorsa giusta ma anche di creare una altamente collaborativa in tutta l’organizzazione.

L’AI sta già fornendo ai clienti IBM un vantaggio significativo nei loro settori e ha consentito a società come BuzzFeed e H&R Block di muovere l’attenzione sull’assunzione dei candidati che hanno maggiori probabilità di riuscire in un determinato ruolo.

Il marketing è l’area in cui la produttività potrebbe aumentare di più grazie all’AI. Il nuovo assistente IBM Watson per il Marketing, incorporato nella soluzione Watson Campaign Automation SaaS, può aiutare a convertire il lavoro in una semplice conversazione.

Ingersoll Rand, per esempio, lo sta usando per progettare efficienti campagne che si rivolgono direttamente agli individui, coltivando un dialogo migliore a cui si devono coinvolgimento e fidelizzazione.

Siamo appena all’inizio. Lo studio IBM sui CMO globali rileva che il 34% del campione sta pianificando di reinventare le proprie esperienze con l'AI. Dai nuovi servizi forniti da IBM ottengono la possibilità di dare vita a esperienze di consumo personalizzate.

In ambito pubblicitario, la società Subway ha utilizzato il nuovo WEATHERfx Footfall con Watson di IBM per progettare annunci basati sui mutevoli modelli meteorologici. La maggior parte degli spazi pubblicitari non è ancora abbastanza intelligente per comprenderlo. Watson lo è.

Durante la sua campagna pubblicitaria, Subway ha aumentato il traffico del 31% superando di gran lunga tutti gli altri metodi di targeting. Inoltre, si è verificata una riduzione del 53% negli sprechi il che ha consentito di recuperare circa 7.9 milioni di impression che altrimenti sarebbero andate perdute.

Per quanti riguarda la manifattura, IBM sta rilasciando speciali set di strumenti Watson appositamente progettati per aiutare a ridurre in modo significativo il fabbisogno di risorse utilizzando competenze di ispezione visiva e acustica dei prodotti.

In un momento di intensa competitività globale, le industrie manifatturiere si trovano ad affrontare una serie di problemi che incidono sulla produttività tra i quali la riduzione di efficacia della forza lavoro, il gap di competenze e l’aumento dei costi delle materie prime, il tutto aggravato da difetti a valle e da macchinari fuori servizio.

Combinando IoT e AI è possibile stabilizzare i costi di produzione individuando e prevedendo le aree di perdita come lo spreco di energia, i guasti delle apparecchiature e i problemi di qualità del prodotto.

Novità anche per il real estate. Unendo l’IoT industriale e l’AI, l’IBM IoT Buildings Insights è in grado di decodificare gli exabytes di dati prodotti dagli edifici commerciali in modo da ridurre i costi energetici e comprendere le dinamiche di utilizzo e di consumo, consentendo ai proprietari e ai gestori di comprendere e preparare modelli di gestione appropriati.

Tale tecnologia consente di sfruttare le informazioni provenienti dalle previsioni meteorologiche, le prestazioni su base e le analisi di terze parti massimizzando così gli investimenti immobiliari.

L'AI svolgerà un ruolo in primo piano anche nello sviluppo del settore automobilistico. Dal momento che il 47% dei progetti fallisce a causa di specifiche imprecise, IBM applica oggi l’AI alla nuova generazione della propria Requirements Management solution. Watson riesce ora a valutare la qualità dei requisiti necessari, fornendo inoltre indicazioni su come migliorarne la qualità.

Le catene di distribuzione, infine. Un'azienda tecnologica globale sta utilizzando una versione su misura di Watson per tenere d'occhio cinque aspetti della sua catena di fornitura. Watson è in grado di incorporare dati meteo, bollettini sul traffico e persino rapporti normativi per fornire un quadro più completo dei problemi. E oggi IBM rende disponibile questa tecnologia al mondo con Watson Supply Chain Insights.

26 Settembre 2018

Alessandro Ferrari, External Relations and Executive Communications lead
@alefederferrari

Visit us on LinkedIn